Castel De Paolis nel Consorzio Tutela Denominazioni Vini Frascati

Castel De Paolis

Castel De Paolis nel Consorzio Tutela Denominazioni Vini Frascati

Castel De Paolis è l’azienda agricola della famiglia Santarelli che ha sede e vigneti a Grottaferrata, un comune storico per la produzione dei vini Frascati.

L’idea di Giulio Santarelli, un tempo anche sottosegretario di Stato al Ministero dell’Agricoltura e Foreste, prese le mosse nel 1985 con il coinvolgimento del professor Attilio Scienza dell’Università di Milano.

Giulio Santarelli
Giulio Santarelli, fondatore di Castel De Paolis, politico e scrittore

Insieme curarono la fase di ricerca e sperimentazione viticola su un’area individuata a circa 300 metri sul livello del mare, molto vocata per la viticoltura, caratterizzata dalla tessitura vulcanica dei terreni, eredità dell’attività del Vulcano Laziale.

La sperimentazione si protrasse fino al 1992 e solo nell’annata 1993 si arrivò ad un primo imbottigliamento adatto per la vendita.

La sperimentazione portò all’impianto di vitigni autoctoni accanto ad alcuni vitigni francesi, al recupero dei vecchi sistemi di allevamento, all’abbassamento delle rese, ai diradamenti e all’attenzione all’ambiente con l’eliminazione dei concimi di sintesi.

Castel De Paolis
Vigneti dell’azienda Castel De Paolis a Grottaferrata

La gestione tecnica è oggi affidata a Fabrizio Bono che lavora le uve provenienti da circa 12 ettari impiantati con malvasia del Lazio, malvasia di Candia, bombino bianco, bellone, moscato giallo, semillon, viognier, sauvignon blanc, cesanese, syrah, cabernet sauvignon, petit verdot, merlot e moscato rosa.

A dirigere Castel De Paolis è da alcuni anni Fabrizio Santarelli, figlio di Giulio, che ha portato in azienda la sua esperienza internazionale maturata in altri settori, lavorando all’espansione su diversi mercati esteri, il principale dei quali è la Cina.

Castel De Paolis
Fabrizio Santarelli, figlio di Giulio, attualmente al timone dell’azienda di famiglia

 

Castel De Paolis racchiude la sua produzione attuale in 7 etichette. In un futuro molto prossimo ne è già prevista una ottava: sarà riservata ad un Metodo Classico vendemmia 2019 che sarà quindi in commercio dal 2020/2021. L’immagine di ogni singola etichetta è la versione diversa della stessa opera d’arte realizzata, appositamente per le etichette, dallo scultore Umberto Mastroianni.

L’azienda produce due vini riconducibili alle denominazioni tutelate e promosse dal Consorzio Tutela Vini Denominazioni Frascati, il Frascati Doc Campovecchio e il
Frascati Superiore Docg.

L’area su cui insistono i vigneti della famiglia Santarelli  -indipendentemente dalle sperimentazioni che hanno portato alla produzione di vini rossi, bianchi e dolci di livello da vitigni non autoctoni- è storicamente legata alla denominazione Frascati, prodotta in due versioni, una più fresca e beverina con il Frascati Doc Campovecchio Castel De Paolise una più complessa e ricca con il Frascati Superiore Docg. Castel De Paolis

Nel primo prevale la malvasia di Candia, nel secondo viene recuperata come protagonista la malvasia del Lazio, mentre il saldo restante del 30% in entrambi i vini è realizzato con trebbiano, bombino bianco e bellone.

 

 

 

 

Castel De Paolis
Vigneti in autunno

L’azienda è a disposizione per tour e visite guidate in vigneto e in cantina, con illustrazione dei processi di allevamento e vinificazione compreso l’affinamento in barrique nella antica “Cisterna Romana” sottostante il caseggiato principale, con degustazioni abbinate a prodotti tipici locali.

Castel De Paolis
La barricaia ospitata nella antica “Cisterna Romana” sottostante il caseggiato principale

 

Azienda Agricola Castel de Paolis
Via Val de Paolis – 00046 Grottaferrata (Roma)

Tel. 0039 06 9413648 – www.casteldepaolis.com